LA DIPENDENZA AFFETTIVA (non è amore)

LA DIPENDENZA AFFETTIVA  (non è amore)

© Copyright “Clinica esistenziale”
Contributo dal saggio di Franco Nanetti “Gli itinerari dell’amore e della passione” (edizione Pendragon, Bologna, 2017.) e “Grammatica del cambiamento, Erickson, Trento)

Franco Nanetti
Docente presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Urbino. Psicologo, psicoterapeuta, Direttore e Coordinatore didattico di II livello in “Mediazione dei conflitti” presso l’Università di Urbino. Da tempo i suoi studi si sono focalizzati sull’approfondimento di tematiche inerenti un’integrazione tra psicologia e spiritualità, nella ricerca di una comprensione degli stati evolutivi della coscienza e di percorsi di guarigione profonda.

Scrive Ralph Blum ne “Il libro delle Rune”: “Quando entrate in rapporto con un altro essere umano, non dovreste colassare in uno stato di dipendenza con lui.
Un rapporto, infatti, si può realizzare solo mantenendo la propria individualità e la propria integrità mentre ci si unisce all’altro.
Lasciate che i venti del Cielo danzino tra di voi”.
Vivere insieme ci vuole capaci di rimanere fedeli a se stessi.
Nella coppia, afferma Eric Fromm:”Si diventa uno, restando due “.
Nessuno in una autentico rapporto d’amore diventi una struttura ortopedica dell’altro.
Ciò porta ad un fallimento della vita di coppia.
Quando la dipendenza per l’altro ci distoglie dalla vita, sopisce i nostri sogni, non ci consente più di desiderare i nostri progetti, il nostro lavoro, il nostro quotidiano, la
bellezza di ogni cosa, bellezza che si lascia intravedere nel contemplare l’incanto di un tramonto o del “germogliare” delle stelle durante una notte d’estate, nell’ascoltare
un brano musicale o nel leggere di una poesia, la nostra capacità di amare è venuta meno.
Quando la dipendenza per l’altro ci distoglie dalla vita, sopisce i nostri desideri, la nostra sensibilità e non ci consente più di amare il proprio lavoro, di sentirci felici nel
contemplare l’incanto di un tramonto o del “germogliare” delle stelle durante una notte d’estate, di ascoltare un brano musicale o di leggere un interessante libro, la nostra capacità di amare è venuta meno.
La dipendenza ci imprigiona, l’amore ci rende liberi; nella dipendenza diventiamo incapaci  di ascoltare, di desiderare, di  discernere, di guardare altrove, di immergerci
nella bellezza della vita. Di fronte alla dipendenza eccessiva rimaniamo bloccati nella passività, come in balia del mondo esterno non riusciamo più a dare ascolto ai nostri
desideri, alle nostre necessità e ai nostri diritti.

IL VERO AMORE NON FA MAI SOFFRIRE

Una persona dice: “Io amo quella persona, ma questa desidera un’altra; ciò mi fa terribilmente soffrire. Non posso accettare che quella persona non stia con me”.
Questo non è amore, ma la pretesa che l’altro corrisponda esclusivamente al proprio desiderio Ma non possiamo costringere nessuno a corrispondere alle nostre aspettative.
La dipendenza non è amore, ma ribellione egoica.
Scrive a questo proposito in “Chiamata d’amore”, il gesuita Anthony de Mello (1970): “Finchè ti aggrapperai a qualcuno non amerai mai e non sarai mai felice (…).
Il tuo amore è un incubo.
Credi che la felicità dipenda dalle cose che ottieni. Ma ciò è falso. Tale atteggiamento ti costringe sempre a guardare quello che non hai e non quello che hai (…). Credi di
essere felice se sarai capace di cambiare il mondo e il modo di comportarsi dell’altro, ma ciò è falso. Essere felice pensando che la felicità sia fuori di te è come cercare un
nido d’aquile in fondo all’oceano. Non sprecare energie né a cambiare gli altri né a cambiare il mondo (…).
Nessun legame può renderti felice.
Il soddisfacimento di un desiderio può regalarti sprazzi di voluttà, lampi di ebbrezza, ma non la felicità”.
Nella dipendenza non c’è amore né felicità.
Ora chiediti:
Come ami l’altro?
Il tuo amore è famelico o improntato al dono e alla libertà?

(il prossimo post riguarda il tema “Quando è arrivato il momento di separarsi?” Se desideri riceverlo attendo una tua conferma)

POST in presentazione del Work shop che si svolgerà  Domenica  25 novembre  2018 – Dalle Ore 8,30 alle 13,00
con il seguente programma:

-Psicologia e spiritualità
-La mindfulness esistenziale per migliorare la vita in coppia.
-Thich Nhat Hanh: la consapevolezza della presenza e la pratica dell’inter-essere

I commenti sono chiusi.